Appunti e Curiosità

Basilicata Tour - Provincia di Potenza

  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Appunti e Curiosità
  • Potenza fu importante centro romano. Lo testimoniano il ponte romano sul fiume Basento, di epoca dioclezianea e la villa imperiale di Malvaccaro. Potenza, a 819 metri sul livello del mare, è il capoluogo di regione più alto d’Italia. Da vedere il borgo antico di Santa Lucia, con le sue case in pietra. La chiesa di San Francesco costruita solo quarant’anni dopo la morte del Santo che si manifestò miracolosamente salvando la vita a degli operai che erano stati seppelliti da un crollo; il Monumento De Grasis, del Cinquecento; Palazzo Loffredo, nobile dimora del seicento è sede del nuovo ed importatante Museo Archeologico della Basilicata. La Lucania è, infatti, terra d’elezione per l’archeologia, crocevia di varie genti e centro di civilizzazione magnogreca; gli scavi di Chiaromonte, Aliano e Guardia Perticara hanno offerto importantissimi reperti degli Enotri; testimonianze dei Dauni provengono dalle aree confinanti con la Puglia; la riconquista romana, invece, partì da Venusia. Di grandissimo interesse, la ricostruzione del santuario Lucano presso Rossano di Vaglio, della dea Mefite, "colei che sta fra i vivi e i morti". Il Museo è intitolato a Dinu Adamesteanu, archeologo rumeno, iniziatore e padre dell’archeologia in Basilicata. Due fra le più interessanti ed antiche chiese di Potenza sono San Michele, la cui struttura principale è del mille, ma che probabilmente sorse già in epoca longobarda, e Santa Maria del Sepolcro, voluta dai Conti di Santa Sofia che avevano partecipato alla Terza Crociata. La chiesa di Santa Maria ospita un importante reliquia del sangue di Cristo, portata in Basilicata dalla Palestina da Ruggero di Sanseverino e qui traslata da Grumento nel 1648 per volontà del vescovo Claverio.

Associazione Turistico Culturale
Chiama Ora
+39091934717